Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 19 luglio 2017 alle ore 15:32.
L'ultima modifica è del 19 luglio 2017 alle ore 17:39.

19/07/2017

Richiamo all’Italia per il ritardo nel comunicare alla Commissione UE il programma nazionali di gestione e smaltimento del combustibile nucleare esaurito e dei rifiuti radioattivi, previsto dalle norme uniformi europee per la protezione sanitaria dei lavoratori e della popolazione contro i pericoli derivanti dalle radiazioni ionizzanti e al fine di ridurre gli oneri per le generazioni future.

Parere motivato
A pochi giorni dall’audizione alla Camera dei Deputati del Ministro dello Sviluppo Economico sullo stato del programma nazionale di progettazione, localizzazione e realizzazione del Deposito Nazionale delle scorie e del combustibile nucleare, la Commissione UE torna a bacchettare l’Italia, insieme a Austria, Croazia, Repubblica Ceca e Portogallo, per il mancato integrale e tempestivo recepimento della Direttiva...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.