Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 22 maggio 2014 alle ore 15:36.
L'ultima modifica è del 26 maggio 2014 alle ore 16:51.

22/05/2014


Da qualche giorno è uscita la notizia della pubblicazione della nuova norma acustica (UNI 11532:2014 "Acustica in edilizia - Caratteristiche acustiche interne di ambienti confinati") nata per dare indicazioni tecniche riguardanti vari modelli di calcolo, valori di riferimento e sottolineare l'importanza dei descrittori acustici.
Le problematiche che si cerca di risolvere riguardano la vita quotidiana in ambienti sovraffollati e di grandi dimensioni. Basti pensare a ambienti di vita normale quali scuole, uffici, ospedali, ristoranti e mense, ecc... In questi ambienti, che per gli addetti del settore sono ben conosciuti, il gestore del locale cerca di aumentare il comfort attraverso la correzione acustica.
Il principio di base è di cercare la dissipazione dell'energia sonora nel più breve tempo possibile (diminuzione del tempo di riverberazione). In che modo? Ad esempio introducendo nell'ambiente unità assorbenti a discapito di quelle riflettenti causa della permanenza dell'onda acustica nell'ambiente. Soluzioni molto usate sono l'introduzione di baffles, controsoffitti o isole sospese.
Lo scopo principale è quello di "assorbire" tramite pannelli fono-assorbenti le onde acustiche del locale. Così, ad esempio, durante una cena in un ambiente trattato acusticamente, si ha la possibilità di comunicare con i commensali senza alzare la voce.