Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 20 giugno 2017 alle ore 11:14.
L'ultima modifica è del 20 giugno 2017 alle ore 13:23.

20/06/2017

La Corte d’Appello di Trieste (ordinanza datata 30 maggio 2017 n.57 in riforma del decreto del Tribunale di Pordenone del 16 marzo 2017) ha precisato che per la trascrizione dell’accordo di negoziazione assistita che contiene il trasferimento di un immobile tra coniugi in vista della separazione, non bastano gli avvocati ma è necessaria la presenza del notaio. La legge non conosce deroghe espresse alla regola della previa autentica delle scritture private ai fini della trascrizione. Inutile poi sostenere che l’intesa raggiunta dalla coppia che si lascia sia equiparata a un provvedimento giudiziario grazie al nulla osta del pm: mai può essere assimilabile a una sentenza in quanto non promana da un organo giudiziale.

La questione. Il conservatore dei registri immobiliari aveva rifiutato...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.