Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 settembre 2017 alle ore 15:12.
L'ultima modifica è del 12 settembre 2017 alle ore 17:24.

12/09/2017

Nella vendita dell’immobile privo della concessione edilizia, la nullità si configura solo per il contratto che ha effetti traslativi e non per il preliminare, che ha solo efficacia obbligatoria. In sede di rogito, si può infatti rimediare rendendo la dichiarazione necessaria o producendo i documenti sulla regolarità urbanistica, la concessione in sanatoria o la domanda di oblazione con i due primi versamenti.

Questo il principio di diritto che si ricava dalla sentenza n. 20707 del 4 settembre 2017 della seconda sezione civile della Corte di Cassazione.

Il fatto – Il promissario acquirente agiva in giudizio per ottenere la nullità del preliminare relativo ad un immobile ad uso abitativo, in quanto i promittenti venditori non avevano adempiuto, come promesso, alle spese inerenti la...

Contenuto a pagamento

Per leggere l’articolo nella versione integrale EFFETTUA L’ACCESSO in Banca dati.