Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 12 giugno 2019 alle ore 18:39.
L'ultima modifica è del 14 giugno 2019 alle ore 15:11.

12/06/2019


"Una nuova legge sulla qualità dell'architettura che, unita ad azioni come una nuova legge urbanistica e un nuovo piano paesaggistico, ci auguriamo possa sbloccare investimenti importanti". Così il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, presentando la legge regionale per la promozione della qualità dell'architettura varata dalla giunta e in attesa di approvazione da parte del Consiglio regionale. Alla stesura della legge hanno contribuito rappresentanti regionali degli Ordini professionali degli architetti e degli ingegneri, dell'ANIAI, dell'IN-ARCH, dei dipartimenti di architettura della Federico II e dell'Università Vanvitelli, del DO.CO.MO.MO.
Obiettivo dell'iniziativa è quello di riconoscere alla progettazione e realizzazione di opere di architettura contemporanea e moderna il carattere di "pubblico interesse".
Attraverso questa legge la Regione afferma che la qualità della concezione architettonica, l'inserimento di nuovi interventi edilizi e infrastrutturali secondo criteri di salvaguardia, innovazione e valorizzazione sostenibile del paesaggio naturale e di quello storico urbano, costituiscono un valore identitario e un patrimonio regionale e come tali rappresentano un diritto non comprimibile di tutti i cittadini.
Tra le novità più rilevanti:
- la realizzazione di Case dell'architettura e del design nelle città campane (la prima nascerà a Napoli e sarà realizzata all'interno di Palazzo Penne, edificio storico di proprietà della regione, esempio tra i più significativi dell'architettura rinascimentale napoletana, di cui si prevede il recupero);
- l'istituzione di un Osservatorio regionale per la qualità della progettazione architettonica e urbana;
- la nascita di un Premio di Architettura e Design bandito ogni due anni per attività e interventi realizzati sul territorio regionale;
- la diffusione dii Concorsi di ldee e di Progettazione
- l'istituzione di un Elenco regionale dei Comuni virtuosi per la qualità architettonica;
- la predisposizione ogni due anni di un Rapporto sullo Stato dell'Architettura in Campania.