Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 18 ottobre 2016 alle ore 14:26.
L'ultima modifica è del 18 ottobre 2016 alle ore 16:31.

18/10/2016


Al fine di ridurre il rischio rumore nei cantieri temporanei e mobili, l'UNI ha avviato i lavori su un nuovo progetto di norma.

La nuova norma fornirà le indicazioni pratiche sull'individuazione dei principali eventi di cantiere che generano rumore, sulla stima previsionale dell'impatto acustico, sulle misure mitigative da adottarsi, sui controlli da effettuarsi, sulle misure compensative e di informazione ai cittadini e sulle modalità più efficaci di monitoraggio continuo.

L'obiettivo è, quindi, quello di garantire che il disturbo acustico dei cantieri sia oggetto di specifica attenzione, così da adottare le misure adeguate per creare meno disagio possibile alla cittadinanza.

Infatti uno degli ambiti su cui si applica la nuova norma è quello urbano, ovvero il contesto più comune in cui il rumore di cantiere ha un impatto significativo. Le indicazioni fornite da questa norma possono tuttavia essere estese anche a contesti di territorio extra-urbano, in caso di attività cantieristiche molto prossime alla facciata degli edifici.

Questi i principale argomenti che verranno sviluppati:

- le cause del rumore per un cantiere;

- la percezione del disturbo;

- la stima dell'impatto acustico;

- la comunicazione del disturbo;

- le misure mitigative;

- il monitoraggio;

- le politiche di miglioramento.