Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 21 aprile 2017 alle ore 15:56.
L'ultima modifica è del 21 aprile 2017 alle ore 17:56.

21/04/2017


È da oggi in vigore il nuovo sistema di certificazione elettronica per meglio monitorare le importazioni di prodotti biologici; in questo modo l'Unione europea diventa leader mondiale nella tracciabilità e nella raccolta di dati affidabili sul commercio di tali prodotti.

L'obiettivo del sistema è quello di contribuire a rafforzare le disposizioni sulla sicurezza alimentare e a ridurre il rischio di frode, l'onere amministrativo degli operatori e delle autorità e offrire dati statistici ben più completi sui prodotti biologici d'importazione.

È previsto, tuttavia, che per un periodo transitorio di sei mesi, il sistema cartaceo e quello elettronico coesistano; dal 19 ottobre 2017, però, le importazioni biologiche saranno coperte solo dalla certificazione elettronica.

Con il nuovo sistema, è ora necessario inserire i certificati d'importazione nel sistema esperto per il controllo degli scambi (TRACES), il sistema elettronico in vigore che segue i movimenti dei prodotti alimentari nell'Unione.

Accessibile 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, il sistema TRACES è risultato utile per agevolare gli scambi, in quanto permette ai partner commerciali e alle autorità competenti di ottenere facilmente informazioni sul movimento delle partite e accelera le procedure amministrative; inoltre si è dimostrato uno strumento prezioso nel facilitare la reazione rapida alle minacce sanitarie nella misura in cui tiene traccia dei movimenti delle spedizioni e agevola la gestione del rischio delle partite rifiutate.