Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 10 settembre 2018 alle ore 17:39.
L'ultima modifica è del 10 settembre 2018 alle ore 19:38.

10/9/2018


In data 3 settembre 2018 l'Inail ha pubblicato gli elenchi cronologici definitivi delle domande di finanziamento inoltrate il 14 giugno a valere sul Bando Isi sul tema del miglioramento delle condizioni di salute e di sicurezza dei lavoratori.

Negli elenchi sono poste in evidenza le domande:

• collocate in posizione utile ai fini del finanziamento

• decadute per mancato invio del modulo di domanda (Modulo A) e della documentazione a suo completamento nei tempi e con le modalità indicati negli articoli 18 e 27 del bando;

• subentrate, in posizione utile ai fini del finanziamento, che dovranno essere convalidate tramite l'invio del modulo di domanda (Modulo A) e della documentazione a suo completamento

• risultate definitivamente non ammissibili per carenza di fondi.
Informa inoltre l'Inail che le imprese la cui domanda negli elenchi definitivi è contrassegnata da S-AMS (subentrata per l'ammissibilità) dovranno far pervenire all'Istituto stesso, entro e non oltre il 3 ottobre 2018, la copia della domanda telematica attraverso l'apposita funzione di upload/caricamento presente nella procedura, insieme a tutta la documentazione indicata negli avvisi pubblici, che attesta il possesso dei requisiti di ammissione al finanziamento per la specifica tipologia di progetto.

Si ricorda che in caso di ammissione al finanziamento, il progetto deve essere realizzato (e rendicontato) entro 365 giorni decorrenti dalla data di ricezione della comunicazione di esito positivo della verifica.

Ai fini del riscontro del termine di 365 giorni di cui sopra fa fede la data della comunicazione inviata da Inail.

Nel termine suddetto sono ricompresi i tempi necessari per l'ottenimento delle autorizzazioni o certificazioni richieste. Il termine per la realizzazione del progetto (e per la rendicontazione) è prorogabile su richiesta motivata dell'impresa/ente per un periodo non superiore a sei mesi.