Storia dell'articolo
Chiudi

Questo articolo è stato pubblicato il 09 ottobre 2018 alle ore 14:59.
L'ultima modifica è del 09 ottobre 2018 alle ore 16:59.

9/10/2018


Con una modifica apportata all'articolo 99, comma 1, del D.Lgs 81/08 il recente Decreto Legge 4 ottobre 2018, n. 113 (Cfr. Gazzetta Ufficiale n. 231 del 4 ottobre 2018) ha introdotto un ulteriore adempimento per quanti intendano dare avvio a nuove lavorazioni nell'ambito dei cantieri temporanei o mobili.

Viene infatti previsto che il committente o il responsabile dei lavori debba trasmette la notifica preliminare oltre che all'azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro anche al prefetto territorialmente competente.

Si ricorda, al riguardo, che la notifica preliminare (e i suoi eventuali aggiornamenti) deve essere trasmessa nei seguenti casi:

- Nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente, anche nei casi di coincidenza con l'impresa esecutrice, o il responsabile dei lavori, contestualmente all'affidamento dell'incarico di progettazione, designa il coordinatore per la progettazione;

- Nei cantieri che, inizialmente non soggetti all'obbligo di notifica, ricadono nelle categorie evidenziate nel punto precedente per effetto di varianti sopravvenute in corso d'opera;

- Nei cantieri in cui opera un'unica impresa la cui entità presunta di lavoro non sia inferiore a duecento uomini-giorno.

Copia della notifica deve poi essere affissa in maniera visibile presso il cantiere e custodita a disposizione dell'organo di vigilanza territorialmente competente.